influser

Influser: gli influencer che non conosci

FungoMarketing Inbound Marketing Leave a Comment

Influser, questi sconosciuti

Qualcuno potrebbe storcere le labbra, qualcun altro penserà sia semplicemente un refuso, altri sapranno che influser è un neologismo nato dalla fusione di influence e user. Una parola nuova usata per riferirsi a una categoria di individui che nuova non è, anzi esiste da sempre. Anche se bisogna aspettare il 1962 e la pubblicazione di “Diffusion of innovation” di Everett M. Rogers per dare concretezza e nome a chi il sociologo americano descrive come innovatori grazie ai quali il resto del mondo può accettare il cambiamento e le novità che i primi introducono.

influser

Fonte Influse

In effetti, come si legge sulla home page di Influse, società italiana nata nel 2016 che sul concetto di influser ha costruito un business, gli influser sono alcuni individui più inclini di altri ad accettare e diffondere nuove idee e abitudini di consumo; soggetti in grado di determinare oggi il successo di domani per brand e prodotti.
In poche parole, sono una sorta di influencer inconsapevoli che, per inclinazione naturale, vanno a caccia di novità e riescono facilmente a influenzare i gruppi sociali di cui fanno parte. Ricercano, acquistano e provano sulla propria pelle prodotti/esperienze prima che il resto del mondo ne sia a conoscenza e, solo dopo averli “testati”, ne parlano e invogliano all’acquisto.

Influser: l’identikit

Tutto chiaro. Ma, se non sono influencer con centinaia di migliaia di follower, come fare a riconoscerli? Una risposta a questa domanda la danno ancora una volta Influse e la società italiana di ricerca di mercato Doxa che, attraverso un’indagine mirata, hanno individuato quanti e quali sono gli influser in Italia.

influser

Fonte Doxa.it

Pochissimi, solo il 4% degli intervistati avrebbe le caratteristiche dell’influser, la stragrande maggioranza si colloca tra i curiosi (57%). E, sebbene non ci siano condizioni anagrafiche, socio-culturali od economiche precise per far parte della categoria, la maggior parte degli intervistati sono uomini, tra i 18 e i 35 anni, con un livello di istruzione mediotanti interessi che coltivano attivamente e continuamente. In primis si interessano di tecnologia, cibo, viaggi, film, serie tv e musica. Amano essere parte di più gruppi sociali (soprattutto digitali), leggono riviste di settore e di nicchia e sono sempre aggiornati. Insomma, vogliono essere sempre e comunque un passo avanti e un punto di riferimento per chi frequentano, tanto che il loro senso di identità è fortemente legato ai gruppi di cui fanno parte e agli scambi che li caratterizzano.

Bye bye influencer?

Ed è proprio il ruolo che esercitano all’interno di queste nicchie digitali e l’effetto domino che scatenano con il passaparola a interessare in misura crescente aziende e brand. Più degli influencer? In modo diverso, oserei dire.
Una strategia di influser marketing non sostituisce, piuttosto integra una strategia di digital marketing tradizionale, perché estremamente efficace su quella fetta di consumatori dal profilo ben delineato e del tutto immuni alle comunicazioni pubblicitarie aggressive.

Concetta Prencipe
Content Specialist

Vuoi puntare su una strategia di digital marketing integrata? Richiedici una consulenza: a questo link trovi i nostri riferimenti. Non vediamo l’ora di conoscerti.

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *